La Grecia, i giornalisti e boogeyman

La Grecia:

Da un anno e mezzo oramai, la Grecia versa in un profondo stato di crisi economica, finanziaria e sociale. Da mesi ci viene detto che, non adottassimo sobrie e decise misure di austerità, faremmo la fine della Grecia.

Nella notte tra il 12 ed il 13 febbraio il parlamento ellenico ha varato, spinto dall’unione europea e dalle lobby finanziarie, una poderosa manovra che spingerà centinaia di migliaia di persone, forse milioni, nel profondo baratro della povertà.  A seguito di questo voto, borse e mercati hanno fatto un balzo in avanti. Successe il contrario quando l’ex premier greco paventò l’ipotesi di un referendum sulle misure di austerità: le borse crollarono e lo spread salì alle stelle. Tutto ciò dimostra, ancora una volta, come mercati finanziari e democrazia non vadano d’accordo: l’uno è l’antitesi dell’altro e la loro convivenza, assieme all’accumulo di risorse per loro natura limitate nelle mani di pochi a scapito delle masse, è motivo di attrito sociale permanente e transnazionale. E l’attrito, accumulandosi come quello tra due piattaforme continentali, prima o poi si trasforma in terremoto.

Grecia - 12/13 febbraio

Quella notte, la Grecia era in fiamme: a seguito dello sciopero generale proclamato dai sindacati e del conseguente attacco della polizia al pacifico corteo in piazza Syntagma, la rivolta è cresciuta coinvolgendo decine di migliaia di persone che hanno messo a ferro e fuoco Atene e numerose città della Grecia peninsulare ed insulare. La gente, scesa in strada, si è accanita sui simboli del potere e del capitalismo fronteggiando il potere costituito a muso duro, urlando la sua rabbia e la sua disperazione. In testa alle proteste gli anarchici e la loro propensione alla rivolta, ma non solo: disoccupati, studenti, anziani e buona parte di quelle persone che anche da noi viene indicata come “fascia debole della popolazione” sosteneva materialmente e moralmente i riottosi.

I giornalisti e l’uomo nero:

E di gente, popolazione e rivoltosi parlavano le testate internazionali ed il web mentre la gran parte dei giornalisti italiani rispolveravano, evidentemente eccitati, “i black bloc”. Il black block, l’uomo nero delle manifestazioni.

L’uomo nero è una creatura leggendaria, un essere amorfo, cattivo e oscuro presente della tradizione di vari paesi. Negli Stati Uniti d’America è conosciuto come boogeyman (scritto anche bogeyman, boogyman o bogyman). In Italia viene identificato anche con la figura del Babau.

- wikipedia -

L’uomo nero è, per gli scribacchini nostrani, il capro espiatorio di ogni cosa, il deus ex machina di ogni storia, l’imbattibile supereroe negativo che fa sempre e comunque notizia. E vince sempre.

Poco importa che il termine “black bloc” non sia riferito ai singoli individui ma ad un metodo di lotta; poco importa che accanto a quelli che hanno sposato, per ideologia o convinzione politica questa tattica, ci fossero persone comuni che mai avrebbero pensato di scendere in piazza per sfogare la propria rabbia e la propria frustrazione con la consapevolezza di essere stati spinti nel baratro da chi li governa. Per i nostri giornalisti sono tutti “uomini neri”, criminali antidemocratici e violenti.

Il babau domina l’immaginario delle nostre menti giornalistiche, si annida in ogni dove: nell’omicidio efferato, nella rapina a mano armata, nei disastri ambientali, nelle pieghe dei mercati e dei sistemi democratici. Scivola nell’ombra invisibile a noi mortali, si nasconde negli armadi e sotto ai tombini, nelle fognature sotto le manifestazioni e tra gli ulivi centenari sradicati ai palestinesi, nel delta del Niger impestato dagli idrocarburi e sotto le macerie dei terremoti. Stolti noi che non lo vediamo fino a quando loro, regolarmente iscritti agli albi degli scribacchini, ce lo indicano. Cosa ci sia in realtà sotto a quell’ombra, sotto a questa foglia di fico giornalistica, non è dato sapere.

Per loro quella gente è in piazza contro l’uomo nero e ne porta in seno altri, di boogeymen.

Del babau parlerò tra un po’ al  mio duenne preferito, mio figlio, sperando serva ad aiutarlo ad affrontare, crescendo, le paure che abbiamo dentro e quelle che provengono dall’esterno. Seguendo le strane strade interiori che trasformeranno il bambino in un uomo, la figura del babau che lo lo spaventava divertendolo, forse, l’aiuterà ad affrontare e superare ma, soprattutto, a dare un nome a quelle paure.

Quello che vediamo in Grecia in questi giorni, in questi mesi, questo sciame sismico sociale ed economico che si sta accanendo sull’area mediterranea sono gli scricchiolii di un sistema: la calda coperta del capitalismo, nel corso dei decenni, si è infeltrita e ristretta fino a non coprire altro che le pudenda di molta parte della popolazione occidentale, lasciandola infreddolita nella bufera. Il capitalismo ed il nostro sistema “democratico” corrotto, sono l’uomo nero e quella che loro chiamano uomo nero, è gente disperata.

Splendida terra la Grecia, gente stupenda. Viva la Grecia e viva il popolo greco!

Le immagini di questo post sono tratte da questa galleria.

Genova 10 anni dopo, la mia storia per immagini

carlini, genova 2001

L’arrivo al carlini, tra fango e persone

Ricorre in questi giorni il decimo anniversario del tristemente famoso G8 di Genova del 2001. Come già a Napoli in febbraio, nella manifestazione che fu banco di prova per la follia omicida della truppaglia in tenuta antisommossa, arrivai da cane sciolto. Pur conoscendo gran parte degli organizzatori degli allora “disobbedienti” io ed un paio di amici arrivammo in autonomia, approfittando dell’ospitalità degli organizzatori e con l’unica intenzione di fare da testimoni con le nostre fotocamere. La mia macchina fotografica, per l’occasione, era una usa e getta.

carriola di sangue

carriola di sangue

Arriviamo alla sera del primo giorno di manifestazioni: tutto bene. Non sarebbe andato meglio il giorno dopo: macchine per la strada in fiamme, negozi svaligiati, feriti sul selciato e la morte di Carlo Giuliani. L’immagine che più mi rimarrà impressa negli anni è quella qui sopra: avevo visto due ragazzi sfrecciare giocosi vicino a me con quel trabiccolo. Dieci minuti dopo al posto dei ragazzi c’era solo sangue.

continua a leggere

Aggiornamento leghista

xe longhi!

Il 21 aprile, in piena campagna elettorale, sono stato testimone di un aggressione ai danni del deputato ed allora candidato sindaco Fedriga. Il video che ho raccolto e pubblicato sul tubo ha avuto il pregio di evitare che si strumentalizzi l’accaduto ridimensionando le dichiarazioni iniziali.

Dopo l’evento sono stato avvicinato da un carabiniere che mi ha chiesto le generalità e qualche giorno fa ho ricevuto un invito a recarmi alla caserma dell’arma. Qui un maresciallo ha raccolto la mia deposizione e mi ha richiesto copia del file: il deputato ha sporto denuncia nei confronti del signore protagonista della tenzone.

Voglio fare i miei complimenti all’impavido deputato che corre a piangere dallo stesso Stato italiano che ogni giorno lui ed i suoi pari umiliano; lo stesso Stato che li foraggia e mantiene, lo Stato che sopporta le scorreggie di borghezio, i rutti di bossi ed i lezzi di trota. Lo stesso Stato che, nonostante tutto, sopporta un fascismo di colore verde-fiore-padano.

Spero sinceramente che la selezione naturale faccia placidamente il suo corso condannandovi all’estinzione.

Lo auguro a voi ma, soprattutto, all’Italia.

QuattrovolteSI

L’articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

a) referendum popolare n. 1 – SCHEDA DI COLORE ROSSO Modalità di affidamento e gestione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica. Abrogazione;

b) referendum popolare n. 2 – SCHEDA DI COLORE GIALLO Determinazione della tariffa del servizio idrico integrato in base all’adeguata remunerazione del capitale investito. Abrogazione parziale di norma;

Si vota “SI” per dire NO alla privatizzazione dell’acqua.

c) referendum popolare n. 3 – SCHEDA DI COLORE GRIGIO Nuove centrali per la produzione di energia nucleare. Abrogazione parziale di norme;

Si vota “SI” per dire NO alla più terribile energia concepita dall’uomo: quella nucleare.

d) referendum popolare n. 4 – SCHEDA DI COLORE VERDE CHIARO Abrogazione di norme della legge 7 aprile 2010, n. 51, in materia di legittimo impedimento del Presidente del Consiglio dei Ministri e dei Ministri a comparire in udienza penale, quale risultante a seguito della sentenza n. 23 del 2011 della Corte Costituzionale.

Si vota “SI” per dare un calcetto nel culo a quello stronzo di berlusconi.

Il referendum è l’unico istituto di democrazia diretta presente nel nostro ordinamento! Per la sua validità ed efficacia è necessario il raggiungimento del quorum, quindi del voto di almeno il 50% +1 degli aventi diritto.

Non partite il 12 ed il 13 giugno!

Fatevi sentire!

Gazzetta Ufficiale N. 77 del 4 Aprile 2011

16-05-2011 Aggiornamento referendum consultivo sardo (quesito:”Sei contrario all’installazione in Sardegna di centrali nucleari e di siti per lo stoccaggio di scorie radioattive da esse residuate o preesistenti?”): vota quasi il 60% dei sardi (il quorum era di 1/3 degli aventi diritto). Dai primi dati sembra un plebiscito per i SI.

fonte: il fatto quotidiano

il “SI” passa con una percentuale di circa il 98%

27-05-2011 Ad oggi è ancora incerta la presenza del quesito relativo al nucleare a seguito dell’ennesima vaccata parlamentare.

01-06-2011 La corte di cassazione ha dato il via libera al referendum sulle nuove centrali nucleari. I quesiti rimangono quattro.

07-06-2011 Anche la Corte costituzionale conferma l’ammissibilità del quesito referendario sul nucleare.

13 giugno 2011 Quorum raggiunto e superato! L’italia ha votato QuattrovolteSI!

INFORMATIVA SUL NUCLEARE

Musica correlata:

Mercanti di liquori e Marco paolini – Due parti di idrogeno per una di ossigeno

Bad religion: atomic garden

Il sorgente dell’immagine 4volteSI.svg

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=YTzBqatD1pI&feature=player_embedded]

Rumiz, Annibale e le occupazioni

Aggiornato dopo la pubblicazione

Paolo Rumiz: “Nell’Italia cialtrona delle veline ci sono ragazzi che discutono di Annibale e metodi didattici”

Ero curioso di vedere che faccia avessero i ”sovversivi” che occupano il liceo Petrarca di Trieste contro i tagli della riforma Gelmini, l’ennesima che smantella la scuola pubblica italiana. Così, l’altro pomeriggio, al volo, ho accettato di tenere una lezione nella sede presidiata. Non era solo una vaga solidarietà per chi spera ancora che le cose cambino nella terra del Bunga Bunga. Era soprattutto curiosità generazionale. Volevo conoscerli, leggerli negli occhi.
Così mi sono inventato una lezione su Annibale, il mio eroe, ho messo nello zaino un po’ di Polibio e Tito Livio, un volumazzo di Arnold Toynbee e persino un libro sugli esperimenti di Archimede (morto nell’assedio di Siracusa, schieratasi con i cartaginesi) e mi sono presentato ai cancelli della scuola per essere ammesso alla palestra, lo spazio deputato delle assemblee e degli incontri. L’invito era nato così velocemente che non c’era stato il tempo per un annuncio o un semplice passa-parola. Arrivavo quasi di sorpresa.
Nonostante questo s’è raccolta all’istante una platea di un centinaio di ragazzi che si sono ordinatamente seduti per terra ad ascoltare. Intorno c’era pulizia, solo qualche segno di bivacco. Insomma, tutto in ordine. Ho spiegato chi ero, poi mi sono arrampicato sulle Alpi assieme agli elefanti del condottiero africano che seminò il terrore a Roma. E qui, posso dirvelo, è stato magnifico. Loro si sono stretti attorno come in un cenacolo greco e man mano che la storia si articolava vedevo accendersi un’attenzione che mai avrei sperato di incontrare.
Da vecchio pessimista e brontolone, ero venuto senza fiducia. E invece ora guardavo i loro occhi attenti, talvolta commossi, e mi sorprendevo a pensare: ma come fanno a essere così belli nonostante noi, nonostante una classe politica che dà loro l’unica libertà di un infinito consumo e di un interminabile happy hour? Come facevano a essere così vivi nonostante la nostra televisione e i modelli che essa propone, l’Italia cialtrona delle veline? Ci pensavo così forte che a volte il pensiero interferiva col racconto annibalico e mi imponeva una piccola sosta per raccogliere nuovamente le idee.
Che fanno gli altri vecchi brontoloni come me? Non amo la parola ”intellettuali”, ma non so come definire altrimenti le persone che vorrei si togliessero i panni curiali per tenere una lezione ai ragazzi della protesta, una lezione seria su un grande tema della nostra storia e cultura. Glielo dobbiamo. L’altra sera raccontavo lo schieramento delle legioni alla battaglia di Canne, evocavo il senso anche olfattivo di un campo di morte con settantamila cadaveri, ma pensavo anche all’abbandono in cui la mia generazione lascia i giovani da un ventennio.
Parlavo della marcia pazzesca del console Nerone che in pochi giorni portò le sue legioni dalla Puglia alle Marche per affrontare Asdrubale sul Metauro, e intanto rammentavo che, alla loro età, i miei coetanei – me compreso – in caso di occupazione sarebbero stati meno governabili, magari capaci di trasformare i loro licei in un’orgia di vaniloquio e talvolta in un porcaio. Dicevo del veleno preso da Annibale alla fine della sua vita e nel frattempo pensavo che quei ragazzi erano meglio di come vengono dipinti sui nostri giornali.
Ecco. Non vorrei restare il solo ad aver fatto lezione. Chiedo che altri si presentino ai cancelli di questi ragazzi. Sarebbe un segno di civiltà aiutarli e ascoltarli. Farli sentire meno soli. Prenderli sul serio. Uscire dalla logica poliziesca del muro-contro-muro. Specie in una città dove la cultura è scesa a livelli mai visti, una città nella quale persino la musica libera viene criminalizzata, dove la politica che conta è capace di disertare un concerto di Muti ma non di impedire il barbaro ”bum bum” di notte fonda che tanto piace agli esimi amministratori.
A fine storia mi sono fermato a parlare con loro. «Dica che non siamo fannulloni» mi hanno chiesto. «Scriva che lavoriamo, che organizziamo corsi di teatro, dica che domani iniziamo a discutere punto per punto la riforma Gelmini». Un’altra voce: «I genitori ci dicono che l’occupazione non serve a niente, e non nego che abbiano ragione. Ma dopo due anni di presa in giro, due anni senza ascolto, che altra arma ci rimane per far sentire la nostra contrarietà a questi tagli?». E ancora: «Loro si preoccupano del costo della scuola, noi ci preoccupiamo del costo dell’ignoranza». Frasi come rasoiate.
Una giovane bruna dallo sguardo calmo ricordava che un anno fa era stata presentata in consiglio regionale una legge fatta dagli studenti, ma tutto è finito nelle paludi dell’oblio. «Ci dicono che non sappiamo di cosa stiamo parlando, invece lo sappiamo benissimo», spiegava una compagna; «Domani iniziamo a discutere sui metodi didattici adottati all’estero e sul rapporto tra la riforma italiana e le direttive europee». Imparavo da loro, non credevo alle mie orecchie. Poveri ragazzi, truffati, come noi tutti, dopo anni di tasse pagate inutilmente.
Che futuro avranno questi giovani in un paese che taglia le spese su tutto, blocca le supplenze e le gite scolastiche, non ha soldi nemmeno per le fotocopie e la carta igienica, e mette la scuola nella condizione di dover pitoccare contributi obbligatori alle famiglie? Che ripresa economica può esserci senza investimento sulla scuola, la cultura e la ricerca? Cosa resterà della ”Res publica” quando sarà venduto anche l’ultimo soprammobile? Nelle tasche di chi sono finiti i soldi destinati ai nostri figli e nipoti? Ma soprattutto: dov’è finita la nostra capacità di indignarci?
(12 novembre 2010)

fonte

testimonianza del professor Gasparo (segnalato da Ceghe)

discussione su adunanza.net