Me le morsicate – nonrecensione su prodotti apple

Oggi è stato presentato l’iphone 4. Rabbrividiamo.

Brrrrrrrrrrrrrr!

Naturalmente “la Repubblica“, così radicalmente chic, ne canta le lodi qui e qui; come ha fatto o con l’ipad, pratica tavoletta digitale che, con la giusta app downloaded dallo store, può diventare uno stilosissimo tagliere. [1]

A proposito dell’ipad;

un collega, conoscendo la mia passione per la tecnologia, dopo avermi parlato del suo macbook e della sua nuova TV a 42″ che arreda la camera da letto come uno specchio (sigh), mi ha rivelato di avere intenzione di acquistare un ipad.

Sul macbook niente da dire: eccessivamente costoso, ma è un buon prodotto. Alla descrizione estasiata della sbrilluzzicosa TV la mia faccia di bronzo è stata da manuale: è un aggeggio che non sopporto (più) e di cui faccio volentieri a meno (ne ho una in armadio che usa mia madre quando viene a fare da baby sitter al “mostricio”).

Sull’ipad non mi sono scomposto; gli ho chiesto: “che te ne fai?” ricevendo in risposta un balbettio che suonava più o meno così: bhe…uh, ci navigo e…uh…insomma sì.

Tornando all’ifono:

può una persona che tornerebbe volentieri al grigione

e che butterebbe il suo nokia MAccheNeSo.0 da 39 euro alle ortiche, scrivere una recensione sull’iphone?

No.

Grazie.

edit: http://attivissimo.blogspot.com/2010/06/iphone-4-in-arrivo-informazioni.html

riedit: http://attivissimo.blogspot.com/2010/07/iphone-4-custodia-gratis-per-tutti.html

[1] i link quo e qua relativi alle app, ve li risparmio :P

zakunin su netsons

Si può fare!

aggiornamento 11/2010 Quelli di netsons hanno ben pensato di trasformare l’account gratuito in “gratuito se pubblichi la nostra pubblicità”. Essendo risultato consapevolmente inadempiente, gli account sono stati segati. Aggiornerò i link non appena avrò tempo di dedicarmi ad una migrazione.

Già qualche tempo fa parlai di joomla! e di come installarlo su netsons. Da un paio di settimane a questa parte ho trovato il tempo di dedicarmici con maggiore impegno e , tra una modifica ai codici dei css, l’aggiunta di un modulo html personalizzato o di un plug-in sbrilluzicoso, sono riuscito a dare al mio piccolo nuovonuovo sito, una generale impostazione.

Lo trovate QUI, ancora in fase “alfa”, con una serie di pagine in attesa di contenuti ed impostazioni.

Sarà un po’ il mio “profilo” sul web, per usare termini cari agli usufruitori di social-network.

Chi abbia voglia di testarlo o semplicemente si accorga di un errore di visualizzazione o indirizzamento, può  usare questo post o contattarmi via mail ( zakuninATgmail.com ) per segnalarmelo. L’invito è rivolto in particolare agli utenti di explorer.

Grazie!

note: ultimamente netsons è soggetta a lunghi down. Presto spero di spostare il sito su un dominio di secondo livello.

Da wordpress a wordpress

aggiornamento 11/2010 Quelli di netsons hanno ben pensato di trasformare l’account gratuito in “gratuito se pubblichi la nostra pubblicità”. Essendo risultato consapevolmente inadempiente, gli account sono stati segati. Aggiornerò i link non appena avrò tempo di dedicarmi ad una migrazione.

Seguendo QUESTA semplice guida, ho aperto un account su altervista ed ho installato wordpress.

Da tempo meditavo di provare questo CMS senza i limiti dati dall’hosting ma, per pigrizia, mi ero ben guardato dal farlo.

La molla che mi ha spinto a fare questa prova è stata la scoperta che non avrei mai potuto cambiare la favicon di “zaku” : orrore :

Per il momento ho installato il programma (la procedura è più semplice, seppur simile, a quella per installare joomla! su netsons) , giocato un po’ con i temi ed importato gli articoli di questo blog. Naturalmente, non ho minimamente pensato alla favicon.

“zaku” per ora rimane qui. Ma, nella rete, si aggirano ora ben 2 suoi fratellini.

joomla!

aggiornamento 11/2010 Quelli di netsons hanno ben pensato di trasformare l’account gratuito in “gratuito se pubblichi la nostra pubblicità”. Essendo risultato consapevolmente inadempiente, gli account sono stati segati. Aggiornerò i link non appena avrò tempo di dedicarmi ad una migrazione.

 

In questi giorni, nel mio interminabile cazzeggiare alla ricerca di nuove frontiere dell’open source, mi sono imbattuto in joomla, potente strumento per la creazione di siti in CMS.

joomla-logo-vert-color

La procedura di installazione mi ha portato via qualche ora tra letture di wiki, forum, guide, tentativi falliti e piccole vittorie alle quali seguiva un urlo liberatorio che squarciava il silenzio causando sobbalzi e tachicardie alla mia compagna ed ai quattro gatti che con noi condividono il tetto.

Scrivo (e di seguito aggiornerò, visto che molti passaggi che ho compiuto mi sono ancora oscuri) questa miniguida più per avere un canovaccio di appunti che con fini divulgativi. Quindi se vi capiterà di usarla, lo farete a vostro rischio e pericolo :P

Primo passo è stato quello della ricerca di un sito che metta a disposizione gratuitamente uno spazio di host dove caricare i files che ci serviranno per l’installazione di joomla e quindi ospitare il nostro sito. La mia scelta è ricaduta sull’italianissimo netsons dove vengono messi a disposizione, oltre ad uno spazio web gratuito, numerosi strumenti molto utili tra cui il data base MYsql, indispensabile per far girare joomla.

Una volta creato l’account e lo spazio web su netsons (nel passaggio numero quattro, dove viene chiesto il codice dell’offerta, bisogna cliccare su concludi ordine senza inserire nulla), è il caso di entrare, attraverso i dettagli del nostro spazio, nella configurazione di cpanel. Qui verremo reindirizzati in un sito esterno (che firefox mi bloccava), ed accolti da un pop-up per la configurazione guidata. Si può scegliere di saltare questo tipo di configurazione per accedere direttamente a quella di MYsql per dare un nome al nostro database, settare nome utente e password.

Ora scarichiamoci dal sito di joomla l’ultima versione del programma e scompattiamo il file che consiste in una cartella. Installiamo quindi anche filezilla. Per chi come me usasse ubuntu, è sufficiente un

sudo apt-get install filezilla

per avere il programma in applicazioni—>internet

Filezilla è un programma FTP (file transfer protocol) che ci permetterà di trasferire i files necessari sul server host.

Per prima cosa inseriamo, dopo aver cliccato la prima icona in alto a sinistra del programma (site manager), ed aver cliccato “new site” i dati relativo al nostro dominio (o, come nel mio caso, sottodominio): nella casella host, ad esempio, banzai.netsons.org, scegliamo il protocollo ftp, il metodo di logon (io ho lasciato normal), il nome utente e la password che abbiamo settato su netsons. Fate utilizzare al programma la porta 21.

Dopo aver dato “connetti” ci apparirà nella parte destra del programma una cartella: è la nostra “home” del sito. Se la apriamo troveremo una serie di sottocartelle tra le quali public_html.  La clicchiamo evidenziandola.

Ora andiamo nella colonna di sinistra e navighiamo nel nostro pc, fino ad aprire la cartella di joomla. Selezioniamo tutti i files, premiamo il tasto destro del mouse selezioniamo upload ed attendiamo: il programma inizierà a trasferire i files selezionati nella nostra cartella remota. Ci metterà un bel po’ e nell’attesa, troviamoci qualche cosa di interessante da fare.

Ad upload terminato, se andiamo con il browser al nostro indirizzo, ci troveremo davanti alla schermata di installazione. Cinque sono i passi da compiere, molto intuitivi, eccetto il quarto dove dovremo stare attenti ad inserire URL utente e password fornitici da cpanel per il database MYsql. Alla fine ci verrà richiesto se vogliamo caricare il sito di esempio e di cancellare una directory (mi sembra installation) per avere il nostro sito funzionante: lo faremo tramite filezilla. Eccoci così dentro al nostro sito nuovo nuovo. Per accedere al backend (l’interfaccia di amministrazione), digiteremo nella barra degli indirizzi l’indirizzo del nostro sito seguito da /administrator/ (es. banzai.netsons.org/administrator/), come utente inseriremo “admin” e la nostra password.

Ora siamo amministratori di un sito. Buon divertimento! :)

P.S. Qualsiasi consiglio per migliorare questo canovaccio è ben accetto. :)

edit 1: simpatica guida per muovere i primi passi.

edit 2: dopo questa decina di giorni a familiarizzare con il programma, metto online (a titolo di esempio) il sito sul quale sto perfezionando la conoscenza di joomla. Molti contenuti saranno quelli di questo blog. Lo trovate qui.

edit 3: dopo l’installazione, se nella root (public_html) di joomla è presente un file “index.html”, cancellarlo senza pietà! :)

edit 4: molto utile per impratichirsi con l’html ed i css è firebug, un add-on per firefox che aiuta a destreggiarsi tra le centinaia di righe di codice.